Home
Creazioni Orafe f.lli Romagnoli




Versione italiana English Version German Version

Via l'Arancio, 29 - 56126 -  Pisa - Toscana - Tel: +39 050 45116
P.IVA/C.E. e Reg. Imprese Pisa 00277160503
- email: info@romagnoli-orafi.it


Home


Uno sguardo
alle tecniche e
agli utensili
del nostro laboratorio








Laboratorio

Laboratorio: Il tavolo da lavoro
Il tavolo da lavoro

Con oltre 40 anni di lavoro in campo orafo, siamo riusciti a maturare un'esperienza che ci ha permesso di creare gioielli completamente realizzati a mano. Infatti ancora oggi, realizziamo le nostre creazioni con gli strumenti che ci hanno "aiutato" per tutto questo tempo.

Per chi non conoscesse il mestiere dell'orafo, vogliamo dare qui una veloce descrizione delle fasi di lavorazione dell'oro.

La prima operazione che facciamo è la fusione dei tre metalli puri: oro, argento e rame o lega da oro bianco. I metalli vengono fusi in parti ben stabilite e cioè: 750 di oro puro e 250 di argento, rame o lega da oro bianco.

Oro - Argento - Rame
Oro, Argento e Rame
Fusione
Fusione
Crogiolo
Colatura dal crogiolo

Quando il metallo si trova ancora allo stato liquido viene colato dal crogiolo all'interno di appositi stampi che servono per dare la prima forma su cui si baserà il lavoro. Secondo il tipo di lavoro che si dovrà realizzare l'oro verrà colato in un "gettaverghi" per farne dei bastoncini; oppure si useranno delle staffe per farne delle lastre.

Per dare una forma più precisa al pezzo ottenuto dopo la fusione si usa uno strumento chiamato Laminatoio. Con questo strumento si possono realizzare lamine di spessori molto sottili fino a 2/3 decimi di millimetro. Gli spessori si ottengono con ripetuti passaggi nei rulli  stringendo man mano l'apertura degli stessi, comprimendo sempre di più il pezzo d'oro. Il laminatoio ha due sezioni distinte: una per i bastoncini e l'altra per le lastre.
 
Laminatoio
Laminatoio
Lavorazione al Laminatoio
Lavorazione di una lastra

Lo strumento usato per dare una forma particolare ai fili d'oro ottenuti con il laminatoio, si chiama Tirafilo. Con esso possiamo realizzare dei fili di sezione quadrata, tonda o a mezzaluna facendo passare più volte i fili all'interno delle Trafile. Esse permettono di dare ai fili le sezioni volute, rendendoli pronti per essere usati nella creazione di un gioiello. Usando invece le trafile per lavorare le lamine è possibile ottenere delle canne d'oro.

Tirafilo
Tirafilo
Trafile
Trafile di varie sezioni
Lavorazione al Tirafilo
Lavorazione al Tirafilo

A questo punto inizia il vero lavoro manuale, infatti ogni pezzo segue il suo particolare percorso di lavorazione attraverso tutti quegli strumenti che ne modificano l'aspetto esteriore. In questa fase vengono usati diversi martelli detti a punta, a palla o a penna. Sopra questa lavorazione è possibile applicare il ferro satinatore oppure, con una punta di trapano, può essere applicata una "bugnatura".
Dopo questa fase il pezzo deve essere sagomato secondo la forma del disegno che si vuol realizzare. Alcuni pezzi sono fatti secondo disegni traforati; per questa lavorazione si usano l'archetto e il seghetto.
Un altro particolare strumento presente nel laboratorio è la Bottoniera che assieme agli Stozzi permette di realizzare coppe d'oro di ogni dimensione, oppure sfere vuote (saldando opportunamente due coppe tra loro).

Bottoniera
Bottoniera con stozzi

Solo la fantasia può arrivare dove la realtà non arriva, ed è così che oltre alle pinze di uso comune, che noi chiamiamo "a beccaccino" o "a pappagallo", oltre alle "ciappole", attrezzi d'acciaio fatti come bulini, si aggiungono una serie di piccoli strumenti da noi creati secondo le nostre esigenze.

Utensili
Alcuni utensili

Come gli Antichi Maestri Etruschi realizziamo anche i modelli di metallo su cui vengono adattate le lastre d'oro per ottenere, mediante forte pressione, il rilievo desiderato.
Spesso i gioielli sono formati da vari pezzi, anche sbalzati, saldati tra loro con una saldatura composta di oro. Per realizzare queste saldature usiamo il "cannello ferruminatorio". Esso è semplicemente un cannello ritorto ad una estremità con cui, soffiandoci dentro, viene spinta la fiamma di un bruciatore  direttamente nel punto della saldatura.

Fiamma del bruciatore
Il bruciatore acceso
Saldatura con cannello
Saldatura con cannello

Lavorare l'oro a mano è affascinante. Ogni volta che ci affiora l'idea di un nuovo gioiello che riteniamo bello, ancora oggi, siamo presi da tanto entusiasmo che ci permette di superare le difficoltà che si incontrano nella sua realizzazione.
Così le persone che amano queste cose, apprezzando il nostro lavoro, ci ringraziano.







Torna all'inizio